estratti del Primo atto costitutivo
della Fondazione

con firma di Giulia Starace

[...]

Con questo atto la costituita sig.na Giulia Starace, al fine di onorare in modo degno e duraturo la memoria di Carolina de Viti de Marco e del piccolo Cesare Gargasole dichiara di voler promuovere l’Istituzione di una Fondazione da denominarsi: “LE COSTANTINE” con gli scopi specificati nello Statuto che sarà qui allegato e come, in appresso indicati e mettendo a disposizione della Fondazione stessa i fondi patrimoniali necessari per lo svolgimento dell’attività della Fondazione.

 

[...]

La Fondazione ha per scopo il miglioramento sociale e culturale dei nativi del luogo mercè l’istituzione di un Centro di attività agricola, artigianale e pedagogica, senza alcun fine di lucro.

Il Centro si propone quale modello l’agricoltura biodinamica e biologica nella convinzione che coltivare la terra secondo principi e metodi naturali favorisce e alimenta l’armonioso sviluppo fisico e spirituale dell’uomo, ed il ripristino di attività artigianali ispirate a metodi tradizionali, volendosi riportare l’interesse ed il piacere per l’opera intesa quale fattore di promozione umana.

Parallelamente è prevista un’attività didattica che si adegui a quei principi e segua l’individuo sin dalla prima infanzia.

Inoltre, per la tutela della salute fisica degli abitanti, e a protezione e tutela delle necessità degli anziani e degli handicappati, il Centro provvederà, per quanto è possibile, all'assistenza sanitaria e sociale e si adopererà a prevenire e curare i mali.

La Fondazione infatti si ispira a un ideale di umanità integra e sana sia sul piano fisico che su quello morale e spirituale ed il Centro dovrà costituire una sorgente di benessere e di elevazione per gli abitanti del territorio e incoraggiare i giovani a rimanere nel loro paese di origine con dignità e serenità.